[..la chiamavano "fame d'amore", tante o meglio
troppe rinunce per chiunque fosse entrato in quel tunnel,
un tunnel in cui "il prossimo,il remoto, il passato e il futuro" non sarebbero più stati niente.
Amava le sue ossa, aveva incarnato la morte un po' per scomparire, un po' perchè senza l'amore di sua madre non poteva vivere.
Una lotta contro il cibo dittatoriale,
una mosca cieca in cui si continua a girare e rigirare.]

mercoledì 2 dicembre 2009

.


Ci ho porvato anche oggi.
Nonostante il vuoto o n n i p r e s e n t e, violento.
Un buco nero, uno spazio infinito.
Un livido enorme su un braccio stanco.
Un vuoto di emozioni.
Un vuoto che chiede abbracci.
Un vuoto misto a tristezza, paura,ansia,
agitazione, angoscia.
Un vuoto che sa diventare aggressivo e arrabbiato.
Arrabbiato dentro.

Scudo alle emozioni.
Scudo all'amore.



Che senso ha tutto questo???.. mi sto torturando e continuerò a farlo per altri 10giorni, fino al mio compleanno, per raggiungere un traguardo impossibile anche solo da pensare.
..e poi???
poi ricomincerà tutto da capo.
A che fine???A nessun fine.
Che palle.

6 commenti:

..Brit° ha detto...

bhè cosa dire.. io nn posso aiutarti sto spronfondando sempre di +... :(
l unica cosa che ti posso dire è CORAGGIO non mollare, come mi ha detto una volta mary " il sole esiste x tutti"

Alice and my world ha detto...

"..e poi???
poi ricomincerà tutto da capo.
A che fine???A nessun fine."
A nessun fine.....sicura?
Il maledetto vuoto...il senso di claustrofobia dell'anima.......
Tirala fuori quella maledetta rabbia e combatti con eleganza quella carneficie che dentro di te ti tortura.
Un abbraccio a distanza, per tappare anche solo una piccolissimissima parte di quel vuoto...che chiede abbracci.
iO e Alice.

CONTRA ha detto...

smettilaaaaaaaaa di pensare che dopo il tuo compleanno tutto quello ke fai per te fin ora è sprecato..
NIENTE MAI E'FATTO PER NULLA.
MAI.
FORTE.
TI VOGLIO VEDERE FORTE.
niente avvilimenti.
combatti.

un abbraccione ***

memy ha detto...

non smettere mai ceh le emozioni ti portino via,le emozioni sono cavalli selvaggi,può essere ceh ti portino via,può essere ceh scelgano vie tortuose ma sono tutto quello che hai

Aisling ha detto...

Ciao! Grazie per essere passata da me, mi hai riscaldato lo stomaco, hai proprio ragione, abbiamo un grande bisogno d'amore e lo richiediamo facendoci del male, ma esiste una fine a tutto questo, siamo noi che dobbiamo metterla.. Condivido molti dei tuoi obiettivi, matematica compresa,il 6 vale oro, impegnati a fondo per raggiungerli, riguardo il peso, anche a me piacerebbe perdere qualche chilo ma possiamo farlo in maniera graduale, è molto difficile,ma possiamo tentare... Passa da me qunado vuoi e io passerò da te, un bacio grande grande!

evaluna ha detto...

Sento mia ogni tua parola di questo post, sento mia quell'intolleranza alle emozioni che rappresenta un fattore di mantenimento del disturbo alimentare.
Nel rifiuto o nella ricerca spasmodica di cibo troviamo una valvola di sfogo quando abbiamo gravi difficolta' a vivere pienamente la nostra sfera emozionale, accettandola e riconoscendola sia nei sentimenti negativi come il dolore, le ingiustizie, i conflitti, ma anche in quelli piu' totalizzanti.
Non riuscendo a gestire la nostra complessita', cestiniamo le emozioni e ci rendiamo vittime di un rapporto sbagliato ed angosciante con il cibo, mezzo di dominio ma anche pretesto di sconfitta perenne...
Anche oggi ci hai provato, questo e' il passaggio piu' importante.
Nonostante quel vuoto che fa così male.
Se ti va, guarda questo video, e' un suggerimento di Mari, e anche se ci puo' sembrare impossibile, ci aiuta a non perdere le speranze.
Http://www.youtube.com/watch?v=gW4SZtkzArA